Allegro il San Martino a Palazzo Manzioli

Sala nobile gremita per la festa organizzata dalla Comunità degli Italiani Pasquale Besenghi degli Ughi. Il programma culturale è stato sostenuto dall’Orchestra mandolinistica della C.I. Santorio Santorio di Capodistria. L’enologo Mauro Bressan ha introdotto la degustazione dei vini novelli offerti dai viticoltori Robi Štule e Bruno Zaro.

san-martino-1

L’organizzazione della Festa di San Martino, da parte della Comunità degli Italiani Pasquale Besenghi degli Ughi, si è dimostrata una carta vincente. Di anno in anno sono sempre più numerosi i connazionali e non che affollano Palazzo Manzioli per passare qualche oretta in compagnia ascoltando musica e degustando vini novelli e piatti tradizionali.

Quest’anno, a tenere banco nella parte culturale l’Orchestra mandolinistica della Comunità degli Italiani Santorio Santorio di Capodistria. Un gruppo affiatato, che al suo quinto anno di vita ha dimostrato grande serietà nel riprendere un’attività che era stata un po’ dimenticata ma che era tradizionale per Capodistria. Guidata da Marino Orlando, l’orchestra si è esibita in un concerto molto impegnativo, ben interpretando brani di Beccucci, Miklavčič, Lenaz, Salvetti, Negri, Ferrao, Carillo, Sartori, Schubert, Šoštakovič, Piovani, Kok e altri. Simpatici gli aforismi letti tra un brano e l’altro.

san-martino-3

Sempre come da tradizione, l’enologo Mauro Bressan ha spiegato al pubblico le caratteristiche dei vini della vendemmia 2016. A suo giudizio si tratta di un’annata eccellente: per corposità e gusto, i vini del 2016 saranno votati all’invecchiamento, dunque, “un vero peccato berli giovani”.

Non sappiamo quanto sia stato ascoltato il consiglio dell’enologo, probabilmente poco. Dopo l’invito ad “aprire le danze” da parte della presidente della Besenghi Katja Dellore, i vini offerti dai viticoltori connazionali Robi Štule e Bruno Zaro sono stati presi d’assalto come pure i piatti tradizionali legati alla festa di San Martino, tra cui i “capussi e luganighe”.

E, come sempre, la festa è continuata al Wine bar Manzioli: con l’intervento di Claudio Chicco al pianoforte si son fatte le ore piccole….

san-martino-4

Tag:

Rispondi