CAN in seduta ordinaria prima della pausa estiva

Lunedì sera si è tenuta a Palazzo Manzioli la 24esima seduta ordinaria del Consiglio della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Isola, guidata dal Presidente Marko Gregorič. Dopo l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti, si è passati al resoconto semestrale finanziario e dell’attività svolta nel primo semestre del 2017. La relazione è stata esposta dalla responsabile del servizio professionale, Agnese Babič, che ha spiegato come la CAN di Isola abbia svolto il proprio operato in armonia con il piano finanziario. Circa l lavoro in campo culturale e sportivo, quanto realizzato da CAN e Comunità degli Italiani, che è stato definito vario, eterogeneo, comprendente tutti i settori, dall’attività bibliotecaria, a mostre, serate letterarie, eventi e spettacoli. È stata poi evidenziata la collaborazione tra CAN ed enti della maggioranza, tra cui l’Art Kino odeon, il Centro per la cultura e lo sport e la Biblioteca civica di Isola. Per l’editoria, il Presidente Gregorič si è detto molto soddisfatto del lavoro svolto dalla nuova redazione del Mandracchio, che ha pubblicato nuovamente la versione cartacea mensile. La redazione, a sua volta, ha ringraziato per il sostegno Agnese Babič. Per i contatti con la nazione madre, sono stati citati i grandi eventi, tra cui l’incontro, nonché ultima uscita pubblica del recentemente scomparso Paolo Villaggio. Nel prosieguo della seduta, il Consiglio è passato alla proposta di Decreto sulle norme per la pubblicità nel territorio del Comune di Isola, approvata in prima lettura al Consiglio comunale. L’appunto iniziale ha riguardato la mancata traduzione in italiano del documento, in contrasto con gli accordi presi per i testi che riguardano da vicino la Comunità nazionale italiana. Il Presidente Marko Gregorič e il vicesindaco, Felice Žiža hanno ribadito l’importanza delle traduzioni. Circa i contenuti del decreto è stato rimarcato che sono state omesse le disposizioni sull’uso della lingua italiana, da integrare in seconda lettura. Il Consiglio si è espresso ancora sulla Commissione per il Premio Isola d’Istria 2017. Sarà guidata da Teura Raschini e composta da Amina Dudine e Agnese Babič.
Vita Valenti

ASSESTAMENTO DI BILANCIO E RESOCONTI IN CONSIGLIO COMUNALE

Riunione ordinaria di giugno, giovedì sera per il Consiglio municipale di Isola. Folto l’ordine del giorno, con le relazioni dei lavori svolti dalle scuole, l’assestamento dei conti pubblici per l’anno corrente e altre questioni attuali.
L’organismo ha esaminato il resoconto sul lavoro svolto, il piano di lavoro e finanziario sino alla fine dell’anno corrente dalla Scuola elementare italiana » Dante Alighieri« . A presentare i documenti è stata la preside, Simona Angelini, appena riconfermata alla guida dell’istituto anche per i prossimi quattro anni. Nella sua relazione ha posto in evidenza i pregevoli risultati conseguiti, l’aumento del numero degli iscritti, la varia offerta pedagogica della scuola, i numerosi progetti- anche europei- in corso o appena conclusi, una fitta rete di contatti internazionali, ma anche di iniziative per mantenere vive le nostre tradizioni e il dialetto istroveneto. La validità dei programmi varati è confermata dai risultati ottenuti dagli alunni alla verifica nazionale del sapere, dove sono sensibilmente migliorati soprattutto in matematica. La scuola presta anche la massima attenzione ai contatti con i genitori e alla loro inclusione nelle attività. Ottimi i rapporti con il Comune, la CAN comunale e le altre istituzioni della CNI. Nel corso del dibattito, il vicesindaco, Felice Žiža si è congratulato con la preside Angelini per la sua riconferma, ma soprattutto per i risultati ottenuti dalla » Dante Alighieri«, per il livello didattico raggiunto e per le innumerevoli iniziative che cura. Il Consiglio comunale ha provveduto ancora a modificare lo statuto della scuola italiana, stabilendo- cosi come fatto con gli altri enti pubblici- che al termine dell’anno finanziario i mezzi in esubero sul conto corrente, siano versati nelle casse municipali. Nel decreto sono stati riconosciuti, però, i diritti di cofondatore della CAN e la particolarità dell’istituto scolastico, che per far fronte alle proprie necessità attinge ad altre fonti di finanziamento, anche italiane e non soltanto alle voci del bilancio municipale. Passando agli altri temi, il punto più discusso è stato l’assestamento di bilancio per il 2017. La maggioranza ha dirottato 100 mila euro per gli interventi lungo la strada costiera dal piano di investimenti per Saredo, incontrando la ferma opposizione dei partiti che non sostengono l’amministrazione comunale.

Riunione della CAN di Isola, le novità e gli argomenti discussi

La CAN di Isola si è riunita per la sua 23° seduta ordinaria ieri pomeriggio a Palazzo Manzioli. In primo piano: le modifiche al decreto di fondazione della scuola elementare “Dante Alighieri” e l’introduzione di un Regolamento interno relativo alle spese di rappresentanza o di protocollo ammissibili.

Dopo la verifica del numero legale, la discussione si è aperta con il punto all’ordine del giorno dal titolo: “Modifica del decreto di fondazione dell’istituto pubblico di educazione e istruzione SE “Dante Alighieri” lsola”. Un argomento che ha fatto molto parlare nello scorso periodo e in diverse sedi istituzionali, coinvolgendo la presidenza della CAN, della scuola e le rappresentanze comunali. Alcune modifiche inizialmente non chiare, infatti, avevano messo sull’allerta le istituzioni della comunità italiana di Isola, ma come spiegato e argomentato dal Presidente Marko Gregorič: “si è appurato che si tratta di un adeguamento di legge sull’amministrazione del bilancio degli enti pubblici, che rispetta pienamente l’elenco e le leggi riguardanti i nostri diritti particolari”.  Sulla stessa linea anche il Vicepresidente Felice Žiža che, assieme alla Consigliera Ambra Šlosar Karbič, ha affermato: “Alla luce dei buoni rapporti tra CAN e Comune, considerate le garanzie e gli articoli esplicativi presentati, è possibile accettare la proposta di modifica senza ulteriori emendamenti.” Il Decreto passerà al vaglio della Commissione delle nazionalità e, nei prossimi giorni, definitivamente in Consiglio comunale.

Altro punto all’ordine del giorno il “Regolamento sul protocollo della CAN di lsola”. Una novità introdotta a seguito di due revisioni dei conti, una da parte del Ministero del lavoro e l’altra da parte dei revisori del governo, che hanno passato al vaglio tutta la rendicontazione prodotta sia dalla CAN che dalle Comunità. La relazione ha fornito sia “suggerimenti utili per migliorare il lavoro”, ha riferito Il Presidente della CAN, “ma ha anche proposto delle limitazioni inaccettabili, come quella dell’inammissibilità dell’acquisto di giornali o di certe spese relative ai momenti conviviali a fine serata che dovrebbero essere sostituite con i cachet agli artisti, ma che non rispecchiano la realtà delle attività culturali organizzate dalle Comunità e tra le Comunità.” Per questo, in accordo con il Comune, si è deciso di procedere all’istituzione di un Regolamento interno. Si tratta, come ribadito in diversi momenti dal Presidente: “di un Regolamento che deve essere considerato provvisorio e che non voglio che sia definitivo. Questo argomento deve essere discusso con la CAN Costiera e con l’On. Battelli, perché la revisione è toccata a noi e noi stiamo lavorando e trovando da soli le soluzioni, ma è un tema importante che riguarda le istituzioni della comunità italiana e la possibilità di gestirsi autonomamente.”

Nuova legge in arrivo per le scuole italiane, la CAN Costiera approva gli emendamenti

Importante la riunione della CAN Costiera di ieri che ha discusso la nuova Legge sui diritti particolari delle minoranze italiane e magiare nell’ambito dell’educazione e istruzione. È giunta, infatti, in dirittura d’arrivo la consultazione pubblica, la legge passerà adesso al vaglio parlamentare.

Il Presidente della CAN Costiera, Alberto Scheriani, ha presentato le principali novità che porteranno al miglioramento della qualità delle scuole italiane. Di concerto con i presidi degli istituti, dei consulenti pedagogici e in stretta collaborazione con l’On. Battelli, deputato al Parlamento di Lubiana, sono stati apportati dei cambiamenti sostanziali alla prima stesura della legge che, una volta approvati, entreranno in vigore a partire dal prossimo anno scolastico. Tra i più importanti aspetti innovativi: l’istituzione di un Ufficio tecnico autonomo per le scuole italiane presso l’Istituto dell’Educazione sloveno che si occuperà di preparare e stabilire i criteri di esame e d’idoneità professionale, assieme al Ministero dell’istruzione e che lavorerà con il consenso delle CAN comunali. Si è trattato, afferma Scheriani “dell’articolo più dibattuto ma che permette di istituire un canale di dialogo tra le istituzioni. Questa legge porterà valore aggiunto se tutte le istituzioni collaboreranno: Ministero, scuole e CAN. Infatti, i risultati ci saranno se riusciremo a lavorare in sinergia.” Si prospettano delle novità dunque per quanto riguarda il reclutamento insegnanti che prevede tra i criteri la conoscenza della lingua, non solo generica, ma anche settoriale e la possibilità di individuare, assieme alle CAN, alcuni ambiti del “catalogo del sapere” richiesto. Dal punto di vista della lingua, viene riservata una corsia preferenziale di accesso all’esame professionale per quanti hanno fatto la verticale presso le scuole italiane, oppure solo le elementari o le superiori, ma l’università in italiano. Un altro punto non da poco conto è quello che riguarda la creazione di condizioni di formazione in italiano per i futuri insegnanti. Diventerà, infatti, compito esplicito dello stato, non solo opzionale come al momento, garantire corsi in lingua italiana presso le Università.

Il Consiglio, durante la discussione che ha approfondito alcuni temi e chiarito le opportunità, ha mostrato apprezzamento per la nuova legge, approvando all’unanimità il documento.

Consiglio comunale di Isola: il fondo immobili alla Komunala

Il massimo organismo comunale ha dato parere positivo nel corso della seduta di ieri, alla riconferma della professoressa Simona Angelini a preside della Scuola elementare italiana “ Dante Alighieri”. La parola definitiva spetta ora al consiglio d’istituto.

Passando agli altri temi della seduta, dopo accesi dibattiti, i consiglieri comunali hanno appoggiato giovedì sera, la proposta del sindaco, Igor Kolenc, di affidare la gestione degli alloggi e dei vani per le attività economiche, di proprietà municipale, a una nuova unità operativa dell’azienda pubblica Komunala.

La competenza passa cosi dall’Amministrazione comunale all’ Azienda municipalizzata, che avrà la possibilità di gestire in modo organico tutte le procedure legate agli immobili, finora curate da numerosi uffici in municipio. Fine della delibera è ottenere che i circa 300 alloggi e i 230 vani adibiti a varie attività lavorative, siano gestiti con razionalità e che i mezzi ottenuti dagli affitti siano nuovamente investiti con oculatezza nella manutenzione degli stabili e nell’acquisto di nuovi. Le riserve dell’opposizione hanno riguardato soprattutto il controllo dei vari interventi, visto l’ingente patrimonio in ballo. Nelle modifiche allo statuto della Komunala sono contenute, evidentemente, sufficienti garanzie che la parola finale in materia d’immobili spetterà sempre al Consiglio comunale. Nel corso della stessa riunione è stata esaminata la strategia del traffico nel Comune di Isola. Riguarda tutta una serie di provvedimenti per migliorare sino al 2022, la viabilità, le piste ciclabili, le aree pedonali e la pianificazione sostenibile del traffico. Sono state illustrate numerose iniziative a sfondo promozionale per educare i cittadini e soprattutto i più giovani a rispettare il codice della strada. L’accento sarà posto sugli spostamenti a piedi e sull’allestimento di parcheggi.