Omegna, nella patria di Gianni Rodari

Anche quest’anno si è svolto, dal 17 al 19 maggio, il viaggio di istruzione ad Omegna, organizzato dall’Unione Italiana in collaborazione con l’Università Popolare di Trieste. Si tratta di un campo scuola in lingua italiana cui partecipano, in numero variabile a seconda dell’utenza dell’Istituto, alcuni alunni scelti delle scuole elementari slovene e croate di lingua e cultura italiane.

La località, una piccola cittadina piemontese che si affaccia sull’affascinante lago d’Orta, è famosa per aver dato i natali ad uno scrittore che è entrato a pieno diritto nella storia della letteratura per l’infanzia: Gianni Rodari. Basta solo una piccola camminata per la città per rendersi conto quanto l’amministrazione locale presti un’attenzione speciale alla tutela e alla promozione dell’eredità culturale di un autore famoso in tutto il mondo, in virtù di una produzione letteraria che ha lasciato un’impronta indelebile su generazioni di docenti e didatti.

L’atmosfera rodariana è presente e viva in molti angoli di Omegna, in parchi e piazze; ci sono anche artistici murales realizzati da studenti locali che evocano la bizzarria di alcuni dei principali protagonisti della galleria dei personaggi rodariani: una straordinaria miniera di bozzetti e caricature che hanno popolato l’immaginario collettivo di generazioni di bambini. Ma il luogo che più di tutti contraddistingue la valorizzazione della poetica dell’autore è sicuramente il Parco della Fantasia, un’istituzione che da molti anni organizza attività didattiche e ricreative destinate a bambini e ragazzi, proponendo in particolar modo alle scuole l’opportunità di vivere esperienze di laboratorio basate sui più significativi principi educativi rodariani.

Quest’anno gli alunni della Scuola elementare Dante Alighieri di Isola scelti per partecipare alla gita sono stati Kim Novak, Kristina Petrič, Etienne Gregorič Pohlen e Giuseppe Pellegrini, tutti di sesta classe. I tre giorni sono trascorsi nella più completa serenità: le attività proposte dal personale del parco, di tipo teatrale, ludico e letterario, sono state opportunità uniche per conoscere meglio Gianni Rodari e per imparare divertendosi, l’approccio didattico privilegiato dallo scanzonato autore piemontese.

L’evento si rivela sempre un’esperienza unica, che lascia ai ragazzi ricordi indimenticabili. Riguardando le fotografie scattate, immagini che raffigurano panorami di rara bellezza, rimane sempre il desiderio di tornare, prima o poi, ad immergersi nuovamente nella fiabesca magia della città di Omegna.

Tag:

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: