Conferenza stampa sui finanziamenti alle Comunità degli Italiani

Venerdi, presso la sala mostre di Palazzo Manzioli a Isola, il Presidente della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul, ha tenuto una conferenza stampa volta a fare chiarezza sullo stato dei finanziamenti alle Comunità degli Italiani.

il Presidente Tremul, dopo aver ringraziato la Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Isola per aver messo a disposizione gli spazi, ha dichiarato che in seguito ad alcune notizie apparse sui media, si rendeva necessario un momento di chiarezza e di analisi oggettiva sulle responsabilità della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, in merito alla mancata erogazione del fondo di promozione alle Comunità degli Italiani. L’incontro con la stampa è servito inoltre per rispondere alle critiche del Presidente della Comunità degli italiani di Pola, Fabrizio Radin, il quale tramite un lungo articolo apparso su “La Voce del popolo” del 21 giugno 2017, ha accusato l’Unione Italiana di non curarsi dello stato in cui delle Comunità degli Italiani.

Il Presidente Tremul, ha innanzitutto affermato che l’erogazione del fondo di promozione non è stata ancora effettuata perché l’Università Popolare di Trieste, ente a cui spetta tale compito, non ha ricevuto i mezzi necessari per avviare il trasferimento di risorse alle Comunità. In seguito, ha chiarito che neppure l’Unione Italiana può anticipare alle Comunità la somma necessaria, perché pur essendoci sul conto corrente dell’Unione delle risorse finanziarie, queste, in quanto mezzi finalizzati, non possono essere utilizzate come anticipi per il fondo di promozione. Si tratta di una questione di vincoli legali e giuridici che vanno rispettati, se si vuole rimanere nel terreno della trasparenza e della legalità.

Infine, il Presidente Tremul ha condiviso la necessità di trovare una soluzione organica alle difficoltà delle Comunità, le quali, ha ricordato, sono state visitate costantemente e frequentemente nell’ultimo anno, tuttavia, ha concluso, gli attacchi tramite i giornali e la disinformazione non sono utili a sistemare le cose.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: