EtNos: Letteratura della minoranza a confronto, incontro letterario a Capodistria

Presentate ieri sera, presso Palazzo Gravisi a Capodistria, le traduzioni in sloveno delle opere degli autori della CNI: Marco Apollonio e Aljoša Curavić. Intervenuti all’incontro: Elis Deghenghi Olujič, Jasna Čebron, Martina Vocci e Gašper Malej. La serata è stata organizzata dalla Comunità degli Italiani “Santorio Santorio” di Capodistria.
Si è tenuto ieri sera a Capodistria, presso Palazzo Gravisi: “Etnos: Letteratura della minoranza a confronto”, un evento organizzato dalla Comunità degli Italiani “Santorio Santorio”. Si è trattato di un interessante dibattito sulla letteratura e sulla traduzione, moderato dal Presidente della Comunità Mario Steffè, che ha avuto come punto focale la traduzione in sloveno delle opere di due autori della CNI: “Piccoli naufragi prima dell’alba” Marco Apollonio e “Portami i fiori” Aljoša Curavić. Tra il pubblico erano presenti all’incontro, in programma a ridosso della Giornata della cultura slovena, anche l’Onorevole Roberto Battelli, il Direttore della biblioteca centrale Srečko Vilhar di Capodistria David Runco e Milan Rakovac, intellettuale istriano di spessore.
Hanno dialogato con gli autori, passando con estrema naturalezza dall’italiano allo sloveno e viceversa, la prof.ssa di Letteratura italiana Elis Deghenghi Olujič, la slavista Jasna Čebron, la giornalista Martina Vocci e il poeta, traduttore ed editore, Gašper MalejGli ospiti, moderati dal Presidente della Comunità, Mario Steffè, hanno avuto modo di disquisire di letteratura, traduzione e giornalismo, a partire dalle opere dei due autori presenti, per poi toccare tematiche più ampieTra i tanti temi affrontati, lo stile dei due autori: quello di Apollonio stratificato e complesso che tratta di temi quali la riflessione cognitiva, la filosofia e l’alienazione, quello di Curavić più diretto, quasi senza filtri, legato alla narrazione di cronache e storie che gli sono state raccontate o che ha vissuto in prima persona. Si è discusso della figura di traduttore come mediatore tra mondi e culture, e della lingua italiana la cui conoscenza permette di accedere a un immenso patrimonio letterario, più vasto e che comprende la possibilità di leggere autori e opere non sempre disponibili anche in lingua slovena. Inoltre si è sottolineato il cambiamento positivo positivo avvenuto negli ultimi cinque anni nei confronti della letteratura della minoranza, dato dal numero sempre maggiore di opere di autori della CNI tradotte in sloveno.
IMG_0311

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: