Formazione professionale per nostri insegnanti a Londra

Quattro docenti della Scuola elementare Dante Alighieri di Isola, tre della scuola elementare e una della scuola materna, hanno soggiornato la prima settimana di luglio nel Regno Unito per seguire un aggiornamento sulla multiculturalità in Europa.  

Il progetto è intitolato Different cultures in Europe: the art of coming together/ La multiculturalità in Europa: l’arte di vivere assieme. Il programma si è svolto a Londra con il sostegno del Programma europeo Erasmus+ KA 1 e con il coordinamento didattico e organizzativo di Kairos Europe (società che si dedica alla promozione e allo sviluppo di programmi miranti ad accrescere gli scambi interculturali fra i paesi europei).

I docenti hanno lavorato in gruppo con altri insegnanti provenienti da Berlino e da Malaga con l’obiettivo principale di conoscere metodi nuovi e creativi per le relazioni interculturali, l’integrazione sociale e le arti interattive. Questo corso ha aiutato i partecipanti a migliorare le proprie conoscenze e competenze, ad accrescere le proprie prospettive lavorative, con particolare attenzione alla capacità di comunicare efficacemente con persone di culture diverse. Inoltre si è discusso sugli stereotipi e i pregiudizi nei confronti dei migranti extraeuropei, sulla legislazione, sull’importanza di conoscere ed interagire con immigrati, rifugiati e minoranze etniche, con l’obiettivo di scoprire e riscoprire metodi creativi su come questi gruppi possano comprendere meglio le società in cui devono integrarsi, e come possano essere compresi dalle comunità locali, dalle politiche e dalle parti interessate che li ricevono.

L’ultimo giorno è stato dedicato alla visita del Centro di accoglienza per giovani rifugiati e migranti «Dost». Tutte le attività si sono svolte in un contesto di qualità molto elevata, rendendo ai docenti una permanenza indimenticabile nella capitale multiculturale per eccellenza, Londra: un miscuglio di razze, etnie, culture che si incontrano mantenendo ognuna la propria identità.

Rispondi