Isola Musical Festival: Rudi Bučar– una serata dalle tradizioni moderne

Si è svolto ieri sera a Palazzo Manzioli, il secondo appuntamento dell’ Isola Music Festival. Sul palco è salito il noto musicista Tulio Furlanič con la sua band. Intanto, venerdì scorso il primo appuntamento della quinta edizione dell’Isola Musical Festival, organizzato dalla CAN di Isola in collaborazione con il Centro per la cultura, lo sport e le manifestazioni, nonché con il Comune di Isola, il Ministero per la cultura della RS e il supporto finanziario del Porting d.o.o. Marina Isola e delle assicurazioni Grawe d.o.o., è stato aperto da Rudi Bučar, accompagnato dall’Istrabend. E’ stato un grande successo, dalla sonorizzazione più che lodevole, che vedeva un alternarsi di suoni vellutati, che accarezzavano le antiche mura di Piazza Manzioli a ritmi più frenetici, che hanno acceso il temperamento di gran parte del pubblico.
Alla domanda su come ci si sente ad esibirsi in casa, Rudi Bučar, protagonista della serata, ha risposto: “Sicuramente è una delle performance più difficili, soprattutto perché ci si rende conto di non poter fare errori, non tanto dal senso tecnico in se, bensì in un senso più profondo, quello che tira in gioco l’animo ed il senso di appartenenza che ci portiamo dentro, perché seppur stando sul palco, si suona con e per la propria gente”. Durante la serata si è più volte sentita l’affermazione: “Il nostro Rudi riesce a risvegliare l’isolano che è in tutti noi”. Quindi il cantautore, visibilmente emozionato da quanto sentito, ha commentato: “Anni fa mi sono reso conto che proporre i remake della musica istriana, quella musica che fa parte del nostro territorio e della nostra tradizione, è un compito che sento di dover eseguire. Scrivere canzoni d’autore in dialetto fa parte del mio lavoro, poiché il mio desiderio è sempre stato quello di mantenere viva la cultura che tanto ci lega. La canzone popolare istriana ha forgiato una generazione che ormai non possiamo più ritenere giovane. L’unico modo di tenere in vita queste melodie, è quello di riarrangiarle e riproporle in uno stile più moderno. Ho sempre sentito una certa vocazione, un bisogno intrinseco di avvicinare la cultura istriana alle nuove generazioni al fine di non perderla. I risultati si notano in bellissime serate, come questa di oggi in Piazza Manzioli”.
TESTO: VITA VALENTI
FOTO: LIA GRAZIA GOBBO

bambini tra il pubblicoAgnese Babič / coordinatrice culturaleGoran Krmac / tubaRudi Bučar & IstrabendRudi Bučar & IstrabendRudi Bučar & IstrabendRudi BučarRudi BučarRudi BučarIl numeroso pubblicoDettagli pubblicoJanez Dovč / fisarmonicaGoran Krmac / tubaDettagli pubblicoJanez Dovč / fisarmonica

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: