Italian design day a Lubiana

La scorsa settimana, il 2 Marzo, in circa 100 città sparse per tutto il mondo, si è celebrata la prima edizione dell’Italian Design Day, la Giornata del Design Italiano nel mondo. Nel Museo di Architettura e Design della capitale slovena i designer Lorenzo Palmeri e Luka Stepan hanno tenuto una conferenza sul design multidisciplinare. L’evento è stato organizzato dall’Instituto Italiano di Cultura in Slovenia.

100 ambasciatori del design italiano hanno presentato  il proprio lavoro in cotante città mondiali con l’intento di fondare e rafforzare i legami attraverso il design. Un progetto di rilievo che è stato promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo in collaborazione con l’ltalian Trade Agency e la Triennale di Milano, e che si è svolto un mese prima dell’apertura del Salone del mobile di Milano, “hub della creatività e della progettualità del sistema dell’abitare”. In Slovenia l’evento si è tenuto a Lubiana, precisamente nel Castello di Fužine, sede del Museo di Architettura e Design, che è oltretutto partner dell’iniziativa. Alla conferenza coadiuvata da Stefano Cerrato, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Lubiana, ha partecipato anche l’Ambiasciatore d’Italia a Lubiana Paolo Trichilo. A parlare del design multidisciplinare come attività a 360° sono stati l’italiano Lorenzo Palmeri, architetto, che si occupa di design, art direction, composizione e produzione musicale, e lo sloveno Luka Stepan, direttore creativo dell’agenzia Gigodesign. Designer molto diversi, ma che trovano dei punti d’incontro soprattutto sul piano dell’innovazione: entrambi infatti sono dell’idea che il design debba congiungere arte e funzionalità, senza però sfondare nell’eccessiva innovazione.


Lorenzo Palmeri è stato allievo di Bruno Munari e Isao Hosoe. Lo si può definire come un professionista dell’approccio multidisciplinare: ha lavorato per marchi quali Lavazza, Invicta e Guzzini, progettato cioccolatini per Ernst Knam, vasi, lampade, ma anche strumenti musicali, ispirato dal suo amore per la  musica. La sua chitarra Paraffina Slapster è stata suonata anche dal grande della musica popolare contemporanea Lou Reed. Il suo prodotto più diffuso è l’asciugamani ad aria Fumagalli Magnum del quale sono stati venduti più di 2 milioni e mezzo di pezzi. Luka Stepan ha lavorato invece per alcuni tra i più grandi marchi globali, quali Panasonic, Samsung, LG e Artemide. Ha ottenuto vari premi internazionali per il design, tra i quali il Designpreis del Governo tedesco e ben 7 Red Dot Awards. Alla conferenza si è incentrato sul design nel campo medico, presentando due prodotti: un aggeggio per la riabilitazione delle mani dopo un ictus e un kit medico per la percezione dei sintomi di 16 malattie.
All’evento è stato presentato in anteprima il cortometraggio “DeLightFuL” del regista Matteo Garrone, vincitore di due Grand Prix. Design, Light (luce), Future (futuro) e Living: sono questi i quattro concetti-chiave riassunti nel poetico e per nulla tradizionale film, nel quale si fondono perfettamente ambienti e forme.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: