La casa veneziana

Si è concluso il concorso per l’assegnazione della casa veneziana in piazza Tartini a Pirano, nota con il motto “Lasa pur dir”. Gioiello dell’architettura gotico-fiorita veneziana, risalente al XV secolo è indubbiamente uno dei rari monumenti in questo stile sul territorio della Slovenia e comunque un monumento rilevante della civiltà veneziana nel suo complesso. Vittima di un brutto restauro interno ancora negli ultimi anni Cinquanta…

Si è concluso il concorso per l’assegnazione della casa veneziana in piazza Tartini a Pirano, nota con il motto “Lasa pur dir”. Gioiello dell’architettura gotico-fiorita veneziana, risalente al XV secolo è indubbiamente uno dei rari monumenti in questo stile sul territorio della Slovenia e comunque un monumento rilevante della civiltà veneziana nel suo complesso. Vittima di un brutto restauro interno ancora negli ultimi anni Cinquanta, dopo svariate vicissitudini che non sarebbe lungo raccontare , da mani private finalmente è ritornata al Comune locale la sua proprietà. Ma, da quanto sta succedendo, sembra che il proprietario non abbia una chiara visione di, primo, quale monumento prezioso si stratta, nonostante le dichiarazioni verbali, e secondo, che discende dal primo, quali i contenuti da assegnarle.

Così, conclusasi una gara per l’appalto, ecco i risultati.

Due i concorrenti in gara, uno soggetto privato e uno pubblico. Quello privato è la ditta ETIGRAF d.o.o., quello pubblico è la Comunità degli Italiani G. Tartini di Pirano.

Lo spazio a disposizione dell’edificio è di 100,70 m2. L’affitto minimo stabilito è di 673 quello massimo 850 euro. I criteri i seguenti:

  1. Da 10 a 40 punti per l’offerta affitto
  2. Da 0 a 30 punti attrattività delle attività proposte
  3. Da 0 a 30 punti per la novità dell’offerta o perché unica nel luogo

 

  • Alla voce programma il Comune ha evidenziato la sua priorità assegnando il
    • 60% dei punti, non ha però sottolineato la specificità del monumento…
    • La percentuale del 40% del punteggio assegnata all’affitto è comunque rilevante, per cui dimostra che anche questo dovrebbe avere una certa consistenza, fonte di entrate comunali forse da ridestinare al monumento in questione.
    • in sloveno v kraju non mi è di facile comprensione se si è pensato alla città di Pirano , a tutto il Comune o alla regione più vasta

    Dunque ecco i risultati:

    I offerta:

    ETIGRAF d.o.o.

    Propone 673,10 euro per l’affitto

    Al piano nobile vendita di spumanti scelti sloveni in collaborazione con la fabbrica di cristallo Rogaska.

    Lo spazio del piano nobile verrebbe arredato in modo da servire anche per avvenimenti più “intimi” come presentazione di vini, offerta di spumanti in occasione di matrimoni, possibilità di fare fotografie per le coppie che convolano a nozze.

    Ai concittadini nel periodo invernale verrebbe offerta pure la possibilità di “usare, servirsi” di questo spazio ( ma non è definito come).

    Il secondo piano e la mansarda , opportunamente arredati in stile veneziano, con nuovi impianti elettrici, con nuovi bagni di lusso, con climatizzazione, adibiti ad appartamenti –due – per giovani sposi. Sul tetto prevista l’apertura di qualche finestra (!).

Daniela Paliaga

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: