La CI di Capodistria festeggia la giornata dell’indipendenza

25esimo_slovenia_1

In occasione del 25° anniversario dell’indipendenza della Repubblica di Slovenia, la Comunità degli Italiani “Santorio Santorio” ha organizzato una serata rievocativa nella sua sede di palazzo Gravisi-Buttorai.

25esimo_slovenia_2

Ospiti della serata: Aurelio Juri, Fabio Steffè, Roberto Battelli, Marino Domio, Isabella Flego e Roberto Colussi, personaggi che ebbero una parte attiva nei fatti dell’epoca e che parteciparono agli eventi collegati alla proclamazione d’indipendenza.

In seguito alle prime elezioni democratiche in Slovenia, svoltesi l’8 aprile 1990, il nuovo governo e i rappresentanti al parlamento nazionale si apprestarono ad avviare il procedimento legislativo d’indipendenza. In quel periodo fu accolta la Dichiarazione sulla sovranità della Repubblica di Slovenia, mentre il plebiscito sull’indipendenza della Slovenia si svolse il 23 dicembre 1990. Il risultato ufficiale del plebiscito venne reso noto il 26 dicembre 1990. Il primo semestre del 1991 fu caratterizzato dai preparativi per la proclamazione dell’indipendenza. La Slovenia divenne uno stato autonomo e indipendente il 25 giugno 1991 in seguito all’accoglimento delle Carta costituzionale fondamentale sull’autonomia e indipendenza della Repubblica di Slovenia. L’Assemblea della Repubblica di Slovenia accolse pure la Legge costituzionale e la Dichiarazione d’indipendenza.

Dopo la dichiarazione slovena d’indipendenza, la reazione repressiva dell’esercito federale jugoslavo e le posizioni assunte da parte dell’establishment politico jugoslavo di Belgrado, sfociarono nelle 10 giornate di conflitto armato tra l’esercito jugoslavo e le unità della difesa territoriale slovena, che causarono vittime tra i militari e la popolazione civile. Gli scontri cessarono in seguito alla tregua proclamata il 7 luglio 1991 e alla firma della dichiarazione di Brioni.

Rispondi