Quarta edizione della Notte estiva dei musei a Isola

musei1

28 artisti e tre gruppi espongono le loro opere nelle gallerie “Plac”, “Alga”, “Insula”, “Salsaverde” “Museo della Parenzana”, “Sala del sole” e Palazzo Manzioli. La mostra intitolata “IZ(S)OLA VIZ(S)UAL(E) A.D.20 16” è organizzata dalla CAN di Isola, dalla Galleria Insula, dal Centro per la cultura, lo sport e le manifestazioni di Isola, dalla Galleria Salsaverde, dall’Associazione isolani – Društvo Izolanov, dallo JSKD e dal Museo della Parenzana. LE FOTO

musei2

È ormai tradizione che musei e gallerie d’arte delle maggiori città della Slovenia tengano aperte le porte a tutti i visitatori che vogliono dedicare tutta una serata alla cultura e all’arte, nell’ambito di quella manifestazione che da anni ormai prende il nome di “Notte estiva dei Musei”, che si tiene proprio nel giorno del Solstizio d’Estate. A Isola, per la quarta volta, nell’ambito della notte estiva dei musei, viene presentata al pubblico una mostra collettiva che raggruppa la maggior parte degli artisti che operano e creano a Isola. Oltre alle opere degli artisti allestite negli spazi espositivi della Galleria Insula, della Galleria Plac e di Palazzo Manzioli, quest’anno si è cercato di collegare anche le altre gallerie isolane che sono attive in ambito cittadino e che si presenteranno con i propri programmi. Come sottolineato da Agnese Babič, coordinatrice culturale e responsabile della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Isola e Dejan Mehmedović, responsabile della Galleria Insula, il presente progetto espositivo, che abbracciando in maniera molto larga il “gruppo isolano” presenta le opere di una trentina di artisti, dimostra la ricca attività presente in questo campo.

Quest’anno in particolare si è voluto ricordare due artisti isolani: Romildo Pustetta e Boris Benčič i quali quattro decenni fa avevano affisso sugli alberi del Viale I maggio manifesti contenente una semplice fotografia di un albero e la scritta “questo è un albero”. Questa azione concettuale era radicale e ha scosso i rappresentanti dell’allora potere comunale, che non sapevano spiegarsi quest’azione assurda se non come un’azione di sovversione. Nello spirito della comprensione delle “pazzie bohemien” il tutto ha visto una felice conclusione. Rimane il fatto che anche una piccola azione artistica isolana di due giovani creativi della seconda metà degli anni settanta risulta essere un fattore determinante per lo sviluppo della creatività sociale. Quarant’anni dopo l’arte risulta essere molto diversa. Si sviluppa formalmente nella sfera dell’infinito, realizzata nelle forme e nei modi che vanno oltre ogni confine ed è sicuramente meno radicale rispetto ad allora.

Come detto gli espositori dell’edizione 2016 della Notte dei musei di Isola sono una trentina:

Aljoša Križ, Barbara Jurkovšek, Barbara Kastelec, Boštjan Mejak, Damjan Lakošeljac, Davorin Marc, Dušan Ambrož, Eduard Belsky, Fulvia Grbac, le Merlettaie isolane, gli Artisti amatoriali isolani, Jadran Posinkovič, Jack Lorget, Katja Smerdu, Lea Bernetič, la società di arti figurative “Tuba”, Maja Mavrič, Marko Zelenko, Marlene Zorjan, Martin Zelenko, Milan Obradovič Karp, Oskar Jogan, Paride di Stefano, Predrag Žvab, Primož Mislej, Remigio Grižonič, Rok Kleva Ivančič, Rok Zelenko, Sanja Tošič, Saša Sergej Merkandel e Simon Kocjančič.

LE FOTO

Tag:

Rispondi