Racconti Kamishibai a Isola

La particolare forma di narrazione con illustrazioni è stata presentata a Palazzo Manzioli ad un pubblico attento, costituito soprattutto da insegnanti, da un gruppo di creatrici nell’ambito del Settimo festival della fiaba del Litorale.

Il Kamishibai è una forma di narrazione ai bambini e uno strumento di animazione alla lettura molto efficace in quanto concentra l’attenzione del pubblico su uno spazio ristretto in cui vengono mostrate o fatte scorrere le immagini associate ad una storia. Quest’anno gli organizzatori del Festival, la Comunità autogestita della nazionalità italiana di Isola, l’Associazione MARI.O.NET.TE., la Biblioteca civica di Isola e il Centro per la cultura, lo sport e le manifestazioni del Comune di Isola hanno scelto come motivo conduttore della manifestazione proprio questa forma d’arte di origine giapponese.

Sabato scorso a Palazzo Manzioli si è tenuto un laboratorio di Kamishibai in lingua italiana guidato da Fulvia Grbac, al quale hanno collaborato Aljoša Križ, Martina Ljubič, Katja Dellore e Patricija Sosič Kobal. La professoressa Grbac ha aperto la serata proprio con la fiaba “Le tre farfalle” creata assieme ad un gruppo di bambini. Interessante l’esposizione dell’artista sull’origine e sulle caratteristiche di questa forma d’arte. Sono seguiti altri Kamishibai ideati, alcuni anche in lingua italiana, da Aljoša Križ, Martina Ljubič e Tanja Špiler Missia. Ad un efficace accompagnamento musicale al pianoforte ci ha pensato Dean Semolič.

Tag:

Rispondi