Riparte il ciclo Ethnoinsula

Venerdì, 16 febbraio è partito a Palazzo Manzioli il ciclo di concerti Ethnoinsula 2018. Si tratta di un’iniziativa tradizionale, nata da un’idea del compianto Luciano Kleva nel 2003. In questa prima serata sono stati ospiti il duo Simone Zanchini, alla fisarmonica e Vasko Atanasovski, sassofono soprano e alto, nonchè flauto. A introdurli è stata Agnese Babič, coordinatrice culturale della CAN di Isola.
Il duo nasce nel 2001, dopo aver fatto conoscenza nel gruppo Adrabesa Quartet, composto anche da Roberto Bartoli e Krunoslav Levačić. I pezzi composti da Simone e Vasko sono un misto di vari generi musicali come jazz, musica popolare, musica classica e d’avanguardia. Le composizioni sono spesso un insieme di poliritmia ed improvvisazioni, un’unione tra il rigido e la libertà, ma anche un intreccio tra le culture alle quali i due appartengono (italiana e sloveno – balcanica). Simone precisa che lui e Vasko comunicano tramite gli strumenti quando improvvisano e che i loro pezzi non sono mai ripetitivi, ma variano da serata a serata.
Il duo è stato più volte ospite presso Palazzo Manzioli ed ha suonato con vari cantanti importanti, come Klarisa Jovanović e Tamara Obrovac. Ha inoltre tenuto concerti in Slovenia, Croazia e dintorni.
I prossimi eventi dell’Ethnoinsula 2018 sono in calendario il 16 marzo ed il 13 aprile. Avranno come ospiti Giorgio Conte e Giuseppe Anastasi. Verso la fine dell’anno è, invece, prevista una serata ricordo per Luciano Kleva, nel quindicesimo anniversario della sua scomparsa.
TESTO e FOTO: Lia Grazia Gobbo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: