Saggio del gruppo di violino

Ieri sera, a Palazzo Manzioli, si è tenuto il saggio dei giovani violinisti della Comunità degli Italiani “Pasquale Besenghi degli Ughi”, guidati dalla mentore Cristina Verità. L’esibizione, volta a celebrare l’inizio dell’anno, ha visto susseguirsi sul palco un folto gruppetto di musicisti in erba, di età compresa tra i quattro e i quattordici anni. Il pubblico ha avuto modo di udire esecuzioni singole, a coppie e di gruppo, di autori vari, del calibro di Martini, Haendel, Bayly e Suzuki. A quest’ultimo va inoltre il merito di aver messo appunto il metodo d’insegnamento Suzuki, utilizzato anche durante il corso organizzato dalla CI Besenghi, che prevede il costante contatto con lo strumento fin dalla tenera età, la cui modalità di apprendimento può essere paragonata a quella della lingua materna, ovvero tramite l’ascolto e la ripetizione dei suoni uditi. Questa tipologia d’insegnamento coinvolge anche i genitori e porta a ottimi risultati, come si è potuto notare nel corso dell’esibizione di questo giovedì.

TESTO: Jessica Vodopija

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: