Serata dedicata al riavvio delle attività della “Besenghi”

Stasera nella Sala Nobile di Palazzo Manzioli ha avuto luogo la serata dedicata alla ripresa dopo la pausa estiva delle attività della Comunità degli Italiani “Pasquale Besenghi degli Ughi” di Isola. Si sono esibiti il Gruppo di canto, il Coro Haliaetum e la Filodrammatica del sodalizio. È seguito un momento conviviale.

Un nutrito pubblico è venuto ad assistere al primo incontro organizzato dalla C.I. “Pasquale Besenghi degli Ughi” dopo la pausa estiva. A salutare i presenti la presidente della comunità Katja Dellore, che ha voluto particolarmente ringraziare tutti gli attivisti che dedicano il proprio tempo libero alle attività, tra le quali fanno parte anche il Gruppo di canto, il Coro Haliaetum e la Filodrammatica che si sono esibiti stasera.

riavvio_attivita_cipb_3

A rompere il ghiaccio sono stati i più giovani, i cantanti istruiti dal mentore Enzo Hrovatin, che li ha accompagnati alla chitarra. Andrea Pugliese ha proposto “Generale” di Francesco De Gregori e “Il gatto e la volpe” di Edoardo Bennato. Katrin Di Davide ha cantato due brani in lingua slovena – “Med iskrenimi ljudmi” di Majda Sepe e “Vsak po svoje”, tratto dalla colonna sonora del film per ragazzi intitolato “Gremo mi po svoje”. “Rose rosse” di Massimo Ranieri e “Il ragazzo della via Gluck” di Adriano Celentano sono stati invece eseguiti da Nicola Štule, aiutato dal pubblico.

riavvio_attivita_cipb_1

È stata poi la volta del Coro misto Haliaetum, diretto dal Maestro Giuliano Goruppi. Il pubblico ha potuto udire quattro canzoni: “Pevec”, “E quando che ero ragassa”, “Vitti ‘na crozza” e “Tri medjumurske”.

riavvio_attivita_cipb_2

Gli ultimi a salire sul palco sono stanti gli attori della Filodrammatica, che hanno presentato tre sketch tratti dalla nuova commedia che stanno preparando intitolata “Isola mia”, che andrà in scena tra qualche settimana. Una serie di scenette collegate da canzoni che rappresenteranno scene di vita quotidiana vissute da isolani nel corso di diversi periodi, dal’immediato dopoguerra fino ai giorni nostri.

A conclusione del programma culturale è seguito un momento conviviale per un brindisi difronte un buffet.

Tag:

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: