Solidarietà con la EDIT di Fiume

Preoccupazione da parte della Comunità italiana in Slovenia per i tagli di Zagabria dei mezzi destinati all’EDIT di Fiume.

Visti i drastici tagli delle sovvenzioni da parte del governo croato all’EDIT, la casa editrice della Comunità Nazionale Italiana di Slovenia e Croazia, e in seguito a quanto emerso nella riunione di Capodistria di martedì scorso, le istituzioni della Comunità nazionale italiana in Slovenia esprimono profonda preoccupazione per il futuro delle pubblicazioni in lingua italiana e piena solidarietà a tutto il collettivo. Gli ingiustificati tagli finanziari minacciano seriamente la stessa sopravvivenza della casa editrice. Si tratterebbe di un danno incalcolabile, non solo per la nostra comunità nazionale, ma anche per l’intera collettività. Indispensabile pertanto un ripristino tempestivo delle sovvenzioni e un interessamento più incisivo anche da parte di Italia e Slovenia. In uno scenario che continua ad ignorare i diritti della nostra Comunità Nazionale, tanto più che ora colpisce un settore estremamente importante, quale quello dell’informazione, non si può che rivendicare con forza il rispetto della nostra lingua e della nostra cultura. Non è concepibile un futuro degli italiani di queste terre senza mezzi di informazione e senza strumenti culturali che da sempre sono stati paladini della nostra identità nazionale.

È necessario pertanto un intervento incondizionato a favore dell’EDIT e in questo senso le Comunità autogestite della nazionalità italiana si appellano a tutti i soggetti che hanno a cuore le sorti e la stessa esistenza della Comunità nazionale italiana di Slovenia e Croazia.

Rispondi