Vittoria per la SM Pietro Coppo alla Trieste Mini Maker Faire

Lo scorso fine settimana la scuola media Pietro Coppo ha partecipato alla Trieste Mini Maker Faire, tenutasi presso il campus del Centro Internazionale di Fisica Teorica del capoluogo giuliano.
Ad aggiudicarsi la quarta edizione della “festa dell’ingegno” è stata proprio l’isolana Pietro Coppo, rappresentata dall’alunno dell’indirizzo informatico Blaž Fikon, accompagnato dal mentore Maurizio Škerlič. La scuola media nostrana ha presentato i proprio lavori all’interno del padiglione “A scuola mi diverto progettando”, dove sono stati esposti gli elaborati che gli alunni hanno realizzato nel corso dell’anno scolastico o come progetto per l’esame di maturità. Tra questi spiccano lo SpiderCoppo, un ragno robot quadrupede, l’IsectCoppo, un insetto robotizzato, e la CoppoCar, un router trasformato in macchinina giocattolo provvista di telecamera. Il progetto che ha riscosso, però, il maggior successo in assoluto è stato il gioco Coppo Neuro Racing, un’autopista giocattolo dove la velocità delle macchinine è regolata con il pensiero, mediante l’utilizzo di cuffie neurologiche. È stato proprio questo progetto a incoronare la scuola media Pietro Coppo vincitrice della manifestazione, aggiudicandosi il premio special maker della quarta edizione della Trieste Mini Maker Faire 2017, composto da una stampante 3D, una fornitura di 8kg di filamenti PLA per la stampa 3D, un completo di circuiti elettronici e sensori didattici e una Beagleboard green.
Un ulteriore motivo di orgoglio per la Pietro Coppo è l’aver ricevuto l’invito a partecipare alla quarta edizione del Maker Faire di Roma, che si terrà dal 1 al 3 dicembre 2017, da parte di Alessandro Ranellucci, ospite d’onore dell’evento, nonché autore del software Slic3r, utilizzato in tutto il mondo per la stampa mediante stampanti 3D, che si è dimostrato entusiasta dei progetti presentati dalla scuola media isolana.

TESTO: JESSICA VODOPIJA
FOTO: SM PIETRO COPPO

Tag:

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: