REX- Storia e mito di una nave

23-02-23. Presentata a Palazzo Manzioli la prima monografia pubblicata in sloveno e dedicata al mitico transatlantico Rex, affondato vicino alla riva tra Isola e Capodistria l’8 settembre 1944. Il lavoro porta il titolo “Rex, il mito dalla secca” con il sottotitolo “Dallo splendore al decadimento e alla rievocazione” ed è stato pubblicato dal Museo del mare “Sergej Mašera di Pirano. La coordinatrice culturale, Agnese Babič, ha salutato i presenti tra cui il sindaco di Isola Milan Bogatič, anche a nome anche del deputato Felice Žiža e della presidente della CAN comunale, Vita Valenti, trattenuti altrove da altri impegni. Ad aprire l’evento è stata la musica di Drago Mislej- Mef dopodiché davanti ad un numerosissimo pubblico sono intervenuti il direttore del Museo del mare, Franco Juri, la redattrice del volume, Nada Terčon, la curatrice Bogdana Marinac, l’archeologa Snježana Karinja, affiancati dall’esperto in diritto marittimo, Mitja Lamut e dall’archeologo subacqueo Andrej Gaspari. Ciascuno ha illustrato alcuni aspetti del proprio contributo al libro e l’importanza di tale pubblicazione. Dopo una prima mostra allestita presso il museo di Pirano nel 2008, alla luce di nuovi approfondimenti e nuove acquisizioni, è stato naturale mettere assieme quanto rinvenuto e raccolto per trasmettere al pubblico sloveno il sapere sul Rex, come patrimonio materiale e immateriale. La monografia è, comunque, in quattro lingue, con ampi riassunti in italiano, inglese e croato. Il testo include anche alcuni autori italiani, ottimi conoscitori della vicenda del Rex. A conclusione della presentazione, Juri ha voluto leggere la struggente testimonianza dell’isolano Italo Dellore Gambini, testimone diretto del bombardamento del Rex.

Testo e foto: Mariella Mehle

DSC 1094 2 DSC 1097

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *