Bambini alla scoperta dell’arte dei suoni nella cinematografia

10-10-2020. Questa mattina Palazzo Manzioli ha aperto le porte al laboratorio creativo per bambini “Immaginare con i suoni”, promosso dall’Associazione Kinoatelje di Gorizia in collaborazione con la Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Isola e con la succursale isolana dell’Istituto Zavod Otok. L’evento si è svolto nell’ambito del Festival cinematografico transfrontaliero “Poklon viziji / Omaggio a una visione”, che offre un programma bilingue, nonché cerca di creare una rete tra spettatori e istituzioni in Friuli-Venezia Giulia e in Slovenia, in questo che è un territorio molto dinamico sia dal punto di vista culturale che lingustico. Uno degli obiettivi è anche quello di divulgare la cultura cinemografica tra i giovani e proprio con questo proposito, per il secondo anno consecutivo, a Isola i bambini hanno potuto conoscere più da vicino tecniche e segreti della settima arte. Il filo rosso dell’edizione di quest’anno, guidata da Matej Okroglič e Aljaž Škrlep, è stato il suono. Il gruppo di bambini, di età compresa tra i sei e i dieci anni, hanno messo in moto la propria fantasia e con l’ausilio degli strumenti, messi a disposizione dai mentori, hanno creato l’immagine sonora di un cortometraggio. Con oggetti della vita quotidiana come ciotole, tubi, palline, spolverini, scope, giornali e con il proprio corpo sono riusciti tra l’altro a imitare i suoni delle onde, del vento, dei motoscafi e delle macchine. «Cerchiamo di presentarlo come un gioco. Noi prepariamo alcuni oggetti, ma lasciamo ai bambini la parte creativa. È un continuo esperimento: non sai mai cosa ne uscirà e questo lo rende ancora più bello e interessante» ci ha detto Okroglič. I bimbi hanno così capito che il suono ha un una funzione importante nei film: rende le immagini più realistiche, induce emozioni e permette di immergerci ancora di più nell’ambiente del girato.

Testo: Kris Dassena
Foto: Kris Dassena e Tilen Požar

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: