Anita Bologna – Una vita ricamata da ricchi ricordi

11-10-2019. Venerdì sera è stata inaugurata presso Palazzo Manzioli la mostra di Anita Bologna, isolana di nascita che di professione fa la sarta. L’evento è stato promosso dalla Comunità degli Italiani Pasquale Besenghi degli Ughi. Anita vive nelle vicinanze di Torino con la sua famiglia, dove accanto al lavoro coltiva la sua passione per i ricami, il cucito, la pittura e la modellazione di paste. La mostra è stata inaugurata dalla nipote Patrizia Korošec, che ha letto un profilo della zia e da Robi Štule, presidente del sodalizio ospitante. Nel presentare l’artista hanno raccontato le tappe della sua vita e i legami che intrattiene con la sua città natale. Citati in particolare gli scambi con il gruppo della “Besenghi”,  “Noi per Voi”. Vari sono stati i lavori di Anita Bologna presentati alla mostra, composizioni ricche di stoffe colorate, ricami, decorazioni in legno, gioielli creati con pasta modellante e perline. “Mi ritengo una donna molto indipendente, con due mani creative e con tanta fantasia”, ci ha detto ancora Anita Bologna, “Mi piace ricamare, cucire e lavorare a maglia e uncinetto”. Ha cominciato a dipingere su tela e a creare dei veri capolavori con la stoffa, nel corso degli anni ha addottato nuove tecniche come riciclare materiali ancora usabili. Il 16 ottobre presso Palazzo Manzioli guiderà un laboratorio creativo, dove ognuno avrà la possibilità di lavorare con l’artista e approfondire le varie tecniche di cucito e ricamo.

TESTO E FOTO: Lia Grazia Gobbo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: