Papà e figli sul palco di Palazzo Manzioli

Anche se in leggero ritardo, domenica presso la Sala Nobile di Palazzo Manzioli si è svolta la serata intitolata “Sul palco con papà” organizzata dalla Comunità degli italiani ‟Dante Alighieri” in occasione della festa del papà. È stato uno spettacolo variopinto e brioso con un ricco programma musicale di brani popolari, italiani e internazionali nonché tante sorprese, che ha regalato al pubblico anche tante emozioni.
Dopo i saluti introduttivi del presidente del sodalizio, Fiorenzo Dassena, rivolti in particolar modo al vicesindaco di Isola, Agnese Babič e al consigliere comunale, Enzo Scotto di Minico, presenti in sala, a prendere posto sul palco sono stati i protagonisti. Sotto i riflettori questa volta non vi erano soltanto i musicisti dei vari gruppi musicali della comunità, difatti ad intervenire sono stati anche i papà di tutte le età. Per l’ormai terzo anno consecutivo, la serata è stata curata e condotta dal chitarrista e cantante Gianni Pellegrini, che si è anche esibito insieme a sua moglie Chiarastella Fatigato al flauto e ai figli Giuseppe alla chitarra elettrica e Michele al cajon i quali compongono complesso ‟Pane e refosco”.
Oltre alla famiglia Pellegrini si è fatta valere anche la famiglia Štule con papà Robi, che ha dato prova alle sue doti canore insieme ai figli Nicola e Matteo. Toccante l’esibizione di Carmen Svettini Krumenaker, alla chitarra, con papà Arcangelo, al mandolino. In rappresentanza dei cantanti di musica leggera Robert Radolovič che ha interpretato il brano ‟Sei forte papà” di Gianni Morandi. Il gruppo più numeroso a salire sul palco è stato il complesso musicale e canoro dei giovani ‟Quelli della saletta” che ha strappato sonori applausi al pubblico. Ospite d’eccezione la band triestina Finico Express che ha proposto brani propri e d’autore.
E anche quest’anno nel celebrare la ricorrenza dedicata a tutti i papà, sono emersi l’affetto paterno, che non sempre viene espresso palesemente, l’importanza del legame genitoriale e la gratitudine dei figli.

TESTO E FOTO: KRIS DASSENA

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: