COVID-19- I NUOVI PROVVEDIMENTI NAZIONALI E LOCALI

13-11-2020. Dalla mezzanotte sono in vigore i provvedimenti dell’ultimo pacchetto governativo per arginare il diffondersi del contagio da Covid-19. Sono vietati tutti gli assembramenti (finora erano consentiti gli incontri tra al massimo sei persone), gli eventi, le manifestazioni, i riti religiosi e le feste di matrimonio. Sono consentiti i raduni soltanto di appartenenti allo stesso nucleo famigliare. Resta in vigore il divieto di uscire di casa dalle ore 21 alle 6, dal Comune di residenza e di conseguenza anche di varcare le frontiere. Per la Croazia da domenica notte viene cancellata l’eccezione per i proprietari di immobili o imbarcazioni che possono soggiornarvi per 48 ore, svolgendo urgenti lavori di manutenzione. Restano valide altre eccezioni legate soprattutto al lavoro transfrontaliero, ai motivi di studio e alle visite mediche. Da lunedi si fermano i trasporti pubblici- autobus e treni, ma non i taxi. Le lezioni delle scuole elementari e medie si svolgono a distanza. Chiudono tutti i negozi che non offrono generi di prima necessità. Quindi, restano aperti rivendite di generi alimentari e farmacie. Gli impianti sportivi al coperto potranno essere usati soltanto dai professionisti. Tra i servizi che non vengono sospesi quelli degli spazzacamini, dei meccanici e dei gommisti. Dovunque sono richieste le misure preventive ben note: mascherine protettive (anche all’aperto), distanza di sicurezza e igiene delle mani. A livello locale il Consiglio comunale di Isola nel corso della sua ultima seduta ha deliberato su una serie di agevolazioni per gli imprenditori e i cittadini. Sono stati esentati dal pagamento dei contributi dal 19 ottobre in poi, i locatari di esercizi commerciali di proprietà della municipalità. Gratuito anche l’usufrutto delle superfici comunali, usate per attività di ristorazione o commercio. È stato abolito il pagamento della maggior parte dei parcheggi. Tra le eccezioni Campo alle Porte, dietro la Posta e Piazza Grande. Per gli alunni che non dispongono dei computer per la didattica a distanza, sono stati previsti aiuti pari a 15 mila euro. Per quanto riguarda gli ormeggi usati per attività economiche, non saranno fatti pagare i contributi per due mesi.
TESTO E FOTO: IL MANDRACCHIO.ORG

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: