Aperte le mostre per commemorare Martina Žerjal

Venerdì, 18 maggio è stata aperta, in tre location distinte, la mostra retrospettiva volta a commemorare la prematuramente scomparsa artista Martina Žerjal.
Gli spazi espositivi per i quadri dell’artista sono Casa Tartini a Pirano, la galleria Insula di Isola e Palazzo Manzioli. La scelta di questi luoghi non è affatto casuale. Infatti la Žerjal ha attivamente collaborato, tra gli altri, con la Comunità Autogestita della Nazionalità di Isola, la Comunità Autogestita della Nazionalità di Pirano e l’Associazione artisti arti visive Insula.
A cinque anni dalla scomparsa dell’artista resta ancora vivo il suo ricordo e si è sentita la necessità di renderle omaggio esponendo un cospicuo numero di lavori, parte di un portfolio estremamente ricco. A introdurre i due eventi isolani sono stati Agnese Babič, coordinatrice culturale della CAN di Isola, e Dejan Mehmedovič, curatore della Galleria Insula. Quest’ultimo ha illustrato al folto pubblico presente alcune delle caratteristiche principali dell’opus della Žerjal, soffermandosi sul ciclo esposto, incentrato sulla poetica floreale. A Pirano la mostra è stata inaugurata da Fulvia Zudić, Agnese Babič e Dejan Mehmedovič, che hanno conosciuto l’artista isolana e le hanno dato anche supporto durante le sua carriera artistica. Sono stati esposti vari dipinti della pittrice, dai paesaggi a quadri ricchi di colore, inoltre sono stati esposti anche gli attrezzi (prestati dalla figlia) che Martina Žerjal ha utilizzato durante i suoi lavori artistici. L’apertura dell’esposizione è stata seguita da numerosi spettatori, sia conoscenti dell’artista sia nuovi interessati al suo lavoro. In occasione della mostra dell’artista è stato inoltre pubblicato il catalogo “Martina Žerjal, 1956-2013”, che racchiude tutte le opere esposte.

Testo e foto: Jessica Vodopija e Lia Grazia Gobbo

Tag:,

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: