Il Premio Isola d’Istria a Nino Benvenuti

Riunito giovedi sera a Palazzo Manzioli, il Consiglio della CAN comunale di Isola. Sotto la guida del presidente Marko Gregorič, i presenti hanno ascoltanto una relazione sui preparativi per dotare la sede della CNI isolana di un ascensore, che risolva il problema delle barriere architettoniche per i visitatori con problemi di deambulazione. I servizi professionali della CAN e l’architetto incaricato del progetto, hanno riassunto il lungo e non sempre facile iter per arrivare all’allestimento della struttura. Finora sono stati rispettati gli obblighi imposti dall’Ente per la tutela dei monumenti e ottenuti quasi tutti i consensi dei vicini del palazzo. La fase successiva riguarderà la richiesta della licenza edilizia e, nel corso del prossimo anno, i lavori dovrebbero partire. I consiglieri hanno poi esaminato la proposta della commissione preposta per l’assegnazione del premio Isola d’Istria 2019, riconoscimento che va a premiare o ricordare ogni anno gli isolani che si sono distinti per la loro attività e che hanno lasciato la loro città di origine. La scelta questa volta è caduta su Giovanni Nino Benvenuti, famoso campione di pugilato, nato a Isola esattamente ottant’anni fa, trasferitosi a Trieste molto giovane negli anni dell’esodo. Nel capoluogo giuliano aveva iniziato una splendida carriera che lo avrebbe portato nel 1960 a vince l’oro alle Olimpiadi di Roma e subito dopo, passato professionista, a diventare campione del mondo dei pesi super-welter e medi. Desiderio dei connazionali isolani sarebbe poterlo riabbracciare il 9 novembre prossimo, nel corso della cerimonia solenne per il conferimento del premio.
FOTO E TESTO: REDAZIONE

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: