Tolentinati e isolani nuovamente insieme

8-10-2021.La Comunità italiana è stata nuovamente lieta di accogliere a Palazzo Manzioli la delegazione giunta da Tolentino, città gemellata con Isola, guidata dal sindaco Giuseppe Pezzanesi. Questo è il terzo incontro in quattro mesi. I tolentinati, infatti, erano giunti a Isola all’inizio dell’estate, mentre lo scorso mese un gruppo di connazionali aveva ricambiato la visita. A dare un caloroso benvenuto al sindaco, accompagnato dal responsabile della Pro Loco, Edoardo Mattioli e da diversi assessori, nonché consiglieri comunali, sono stati i rappresentanti della CAN comunale, con in testa il vicepresidente, Enzo Scotto Di Minico e delle due Comunità degli Italiani “Dante Alighieri” e “Pasquale Besenghi degli Ughi”, con i rispettivi presidenti Fiorenzo Dassena e Robi Štule. Durante un primo momento conviviale, Amina Dudine ha illustrato i momenti che hanno portato alla nascita di questa collaborazione, sbocciata più di quaranta anni fa grazie al Festival canoro “Cantapiccolo”, ma soprattutto grazie al contributo di Dario Scher, allora presidente della Comunità degli Italiani, affiancato dalla consorte Lucia e dalla figlia Amina Dudine. Negli ultimi dieci anni sono notevolmente incrementati i rapporti e gli scambi tra le due città anche grazie al sindaco Pezzanesi, che però il prossimo anno, a conclusione del suo secondo mandato, lascerà l’incarico. “Sono molto grato perché ho avuto la possibilità di conoscere questa splendida realtà e delle persone meravigliose e volitive, come pure di proseguire nel tempo un gemellaggio che sicuramente ha portato dei frutti positivi a tutte e due le comunità. Questa per me è stata un’esperienza molto positiva, sia a livello umano che amministrativo”, ha dichiarato. Prima della visita all’installazione “Dante Copiosus”, dedicata al settecentenario della morte del Sommo Poeta e allestita a palazzo “Besenghi”, Mattioli ha consegnato in dono dei volumi dedicati a San Nicola da Tolentino e una statua, raffigurante un pescatore, ideata dall’artista Enzo Grassettini, che all’epoca curava le scenografie del “Cantapiccolo”. Il giorno dopo la delegazione di Tolentino è stata ospite del Comune di Isola e ha partecipato all’inizio simbolico della raccolta delle olive in regione.

Testo e foto: Kris Dassena

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.