Orientarsi tra i monti

“Nord? In quella direzione, … , Sud?
laggiù, …” sono due delle frasi più pronunciate al campo scuola al quale hanno partecipato gli alunni delle classi VII, VIII e IX durante la prima settimana di aprile. Al Centro per le attività scolastiche ed extra scolastiche Peca hanno trascorso una settimana in natura, circondati da monti alpini e foreste incontaminate.Orientarsi in un ambiente sconosciuto, trovare i tesori nascosti e seguire un sentiero didattico, sono alcune delle attività che i ragazzi hanno svolto nell’ambito della settimana tematica “Chi cerca trova – Peca geocatching”. Hanno svolto così diversi livelli di orientamento, partendo dalle basi (bussola, cartina geografica), passando per il sistema GPS, fino ad usare la tecnologia moderna, la più vicina ai ragazzi. Hanno appreso le prime nozioni di disk-golf, un misto tra il lancio del frisbee e il golf. Il gioco è piaciuto molto ai ragazzi e vorrebbero vederlo introdotto anche nell’ambiente isolano. Come novelli scalatori si sono arrampicati sulla parete interna del centro, mentre come dei giovani Robin Hood si sono cimentati nella tecnica del tiro con l’arco – con Rocco che ha stracciato la concorrenza dei coetanei, battendo il record del Dom Peca con 38 punti. Gli elementi della sopravvivenza in natura, che tanto vediamo nei vari programmi TV, sono stati maggiormente apprezzati dai ragazzi. Raccogliere legna secca, accendere il fuoco con la pietra focaia e cuocere poi sulla brace una mela è stato per i ragazzi un momento indimenticabile; così come la costruzione del bivacco per proteggersi in natura (con alcuni esempi che sembravano più da campeggio lussuoso che da bosco). Un’avventura particolare è stata pure la visita della miniera di piombo e zinco a Mežica. Il viaggio di 3,5 km nel ventre della montagna ad una profondità di 600m, ha fatto conoscere agli alunni la storia del lavoro in miniera e ha fatto capire agli alunni la difficile ed impegnativa vita di un minatore. Tutte le attività, si sono basate sull’apprendimento esperienziale, dove la didattica è sempre passata attraverso la sperimentazione, la ricerca e l’applicazione, dando così la possibilità agli alunni di essere protagonisti attivi.

TESTO E FOTO: SE DANTE ALIGHIERI

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: