PIAZZA MANZIOLI IN FESTA: DALLA GASTRONOMIA ALLA MUSICA

14-9-2019. Una folta schiera di visitatori curiosi e affamati ha preso d’assalto sabato pomeriggio Piazza Manzioli. Oggetto di tanto interesse il baccalà, specialità tradizionale in Istria e dintorni, ma poco conosciuta o del tutto inedita per altre regioni. Sulle bancarelle è stato possibile apprezzare quanto lavoro e fatica vadano messi nella preparazione del piatto, scoprire gli ingredienti della ricetta originale istriana, che prevede solo olio d’oliva di grande qualità, sale, acqua e aglio. Qualcuno precisa che serve ancora “olio di gomito” per amalgamare il tutto. La pastella bianca che ne è derivata è stata poi servita con il pane o in alcune postazioni, con la polenta. Gli chef presenti hanno incluso il baccalà nei loro sughi e lo hanno servito anche con i fusi. Obbligatorio abbinare al cibo anche del buon vino. Allontanati i morsi della fame, l’attenzione dei presenti è stata catturata dalla musica. Quella italiana è risuonata grazie ai cantanti della Comunità degli Italiani “Dante Alighieri”. Guidati e accompagnati dalla mentore, Evelin Zonta, si sono presentati con grande sicurezza e padronanza delle loro doti canore. Robert Radolovič, che ha interpretato con passione soprattutto i brani di Adriano Celentano, ha incassato gli entusiasti applausi del pubblico. Non sono mancati nemmeno i commenti positivi per Branka Bevitori e Vanja Bolčič Makovec, che hanno presentato canzoni famose della musica italiana d’autore, arrivando sino a Luigi Tenco. In tal modo i cantanti della “Dante” hanno recuperato il loro concerto “Sotto le stelle”, interrotto alla fine di luglio dal maltempo. Hanno, quindi, lasciato la scena al gruppo “Vruja”, guidato da Marino Kranjac, che ha presentato il suo ricco repertorio di musica popolare istriana, in tutti i dialetti della penisola.
TESTO E FOTO: IL MANDRACCHIO.ORG

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: